Secondo seminario di studio per direttori didattici e ispettori tecnici

Già da alcuni anni l'Opera Nazionale Montessori ha stabilito rapporti con i Direttori Didattici che nell'ambito del proprio circolo hanno scuole a metodo Montessori, convinta del ruolo essenziale che essi hanno per il buon funzionamento e il consolidamento anche della scuola Montessori.

È stato quindi organizzato, come già lo scorso anno, un seminario residenziale a carattere nazionale sul tema "Maria Montessori, l'educazione e la scuola oggi". Le giornate di studio si sono svolte a Frascati a "Villa Campitelli" il 17 e 18 ottobre scorsi.

Il Seminario, realizzato dall'Opera d'intesa con il Ministero della Pubblica Istruzione che lo ha autorizzato con proprio decreto, è stato promosso nel quadro delle attività programmate dal nostro Ente per corrispondere agli impegni legati all'applicazione della Legge 16/2/1987 n° 46 che affida all'Opera il compito di prestare l'assistenza tecnica alle istituzioni pubbliche e private che adottano il metodo Montessori.

È infatti interesse primario dell'Opera offrire sostegno ai direttori perché le scuole da loro gestite si realizzino al meglio.

Ai lavori del Seminario hanno partecipato 22 corsisti, tra Direttori ed Ispettori Tecnici provenienti da varie parti d'Italia.

Pubblichiamo il resoconto delle due giornate di studio redatto dal Direttore del Seminario il Prof. Mauro Laeng.

"I lavori, che hanno seguito la strutturazione indicata nel progetto autorizzato, hanno avuto inizio il 17 ottobre alle ore 9.

Il Direttore Generale dell'istruzione elementare, nell'impossibilità di essere presente, ha inviato il suo saluto tramite il Dott. Mario Petrini; la Presidente dell'IRRSAE Lazio era rappresentata dalla Dott. Maria Augusta Mozzetti; entrambi sono stati presenti per l'intera durata dei lavori.

Ha dato inizio alle attività il Presidente dell'Opera Nazionale Montessori, Dott. Pietro De Santis, ricordando ai convenuti l'impegno continuo dell'Opera per le scuole a metodo Montessori.

Il suo intervento ha messo in evidenza alcuni problemi scolastici ed educativi particolarmente sentiti non solo dall'Opera ma anche dai capi di istituto.

Come previsto, ha preso la parola il direttore del corso, Prof. Mauro Laeng, presente anche in veste di relatore. I suoi interventi, dai titoli Un bambino di nome Montessori e La personalità sociale del bambino nel metodo Montessori, hanno messo l'accento in particolare su una rilettura del pensiero e del metodo di Maria Montessori in chiave strutturalistica e sulla formazione del sé.

Il Prof Laeng ha messo in luce come, portando a maturazione una tradizione già avviata da Pestalozzi e Froebel, la Montessori abbia riproposto, anche attraverso l'uso di un materiale che facilita il passaggio dall'intuizione all'astrazione, la ricerca delle "strutture d'ordine" nel pensiero e nella realtà, precorrendo così gli orientamenti attuali dello strutturalismo pedagogico. Essa ha non solo contribuito all'approfondimento teorico di queste vedute, ma anche a un solido impianto didattico.

È seguita poi la presentazione del tema svolto dalla Sig.ra Prisca Melucco: Organizzazione di una scuola Montessori in funzione del bambino che è stato supportato da lucidi e proiezioni di diapositive. Partita dall'esame di diapositive di carattere storico, la Sig.ra Melucco si è soffermata poi a lungo su esperienze attuali. Gli interventi e il dibattito successivo sono stati ricchi di spunti di riflessione per tutti.

Il video Una giornata educativa nella Casa dei bambini di Chiaravalle è stato presentato nel pomeriggio, alla ripresa dei lavori, dalla Sig.ra Anna Maria Ferrati che ha anche illustrato il valore formativo dei vari momenti.

Ha fatto seguito il duplice intervento dell'Ispettore Tecnico Vito Piazza e del Direttore Didattico Fabio Roscini rispettivamente su: Il bambino handicappato e Esperienze in una scuola Montessori. Particolarmente interessante è stato il successivo dibattito e gli interventi che hanno portato i convenuti a stilare in elenco i propri siti Internet e E-Mail per poter mettere in comune esperienze e progetti anche tramite l'Opera e la sua rivista "Vita dell'infanzia".

La mattina del 18 alle ore 9, il Prof. Augusto Scocchera con il tema Maria Montessori nei Programmi 1985 e negli Orientamenti 1991 ha aperto la seconda giornata dei lavori.

A questo intervento ha fatto seguito quello del Prof. Remo Fornaca che ha parlato su Maria Montessori e l'educazione in una società complessa.

L'attenzione della Montessori ai bambini in condizioni più disagiate ha avuto un alto significato storico e sociale; la sua diffusione mondiale ha provato quanto il suo metodo abbia trovato rispondenza anche in situazioni multi-culturali.

Il Prof. Augusto Scocchera ha concluso il seminario dando inizio ad un dibattito ricco di interventi e di proposte per futuri incontri".