Editoria

Consulta il catalogo delle Edizioni ONM: i libri, la rivista "Vita dell'infanzia" e la collana "Gli Aiuti"

I nostri corsi

L'elenco di tutti i corsi nazionali attivi o in partenza: regolamenti, bandi, domande di ammissione

Vita dell'infanzia

La rivista voluta e ispirata da Maria Montessori nel 1952. Consulta l'elenco e i sommari di tutti i numeri disponibili

Appuntamenti

Tutti gli appuntamenti e le occasioni di approfondimento sulle tematiche montessoriane

COP 3 4 2020

fascetta in evidenza

È in stampa il numero della rivista Vita dell'infanzia di marzo-aprile 2020!

All'interno di questo numero si trovano i contributi di Loredano Matteo Lorenzetti, Paola Trabalzini, Maria Federici Agamben, Giovanna Alatri, Roberto Sandrucci, Nicoletta Rosati, Giacomo Cives, Elettra Stamboulis, Giulia Magrini, Cristina Venturi, Daniela Scandurra, Elide M. Taviani.

 

 

 

Aritmetica manuale

fascetta newsletter

Iscriviti alla nostra newsletter per rimanere aggiornato su corsi, iniziative e novità editoriali!

 

LE SCUOLE MONTESSORI IN ITALIA

Trovate tramite la mappa interattiva la scuola più vicina a voi

contentmap_module

Molti genitori chiedono il parere dell’ONM riguardo alla valutazione e alle verifiche nella scuola primaria Montessori. Avendo chiaro che le prove INVALSI sono un obbligo di legge per ogni scuola a prescindere dall’indirizzo pedagogico adottato, la posizione dell’ONM è quella contenuta nel Progetto Educativo Montessori che si riporta di seguito. Con piacere aspettiamo un riscontro sull’argomento, che raccolga la ricchezza e la complessità delle procedure adottate. Pubblicheremo sulla rivista “Vita dell’infanzia” quanto perverrà alla Redazione.

La verifica e la valutazione

Maria Montessori ha osservato che l’evoluzione del bambino, del suo percorso di apprendimento, avviene per “esplosioni” che non seguono percorsi e tempi prestabiliti. Anche i dati attuali della psicologia e le più avanzate riflessioni pedagogiche dimostrano che la formazione umana e culturale del bambino avviene per processi di maturazione lenti e sotterranei, con ritmi estremamente personali. I tempi di apprendimento non sono mai quelli collettivi della produttività forzata e del massimo rendimento (imposti dalla prassi corrente), ma piuttosto i ritmi naturali di vita del singolo. Il principio dell’integrità del bambino, che va rispettato nel suo sviluppo senza pressioni esterne per non intaccare nessun aspetto della sua esistenza, è l’elemento fondante del nostro ruolo di insegnante; all’interno del nostro metodo l’attività di verifica e valutazione appare molto particolare e delicata; le attività didattiche vengono strutturate in modo tale che il bambino possa svolgere individualmente il suo lavoro, seguendo più o meno consciamente una serie di procedure, in cui il controllo dell’errore non risiede nella supervisione dell’adulto ma nel successo dell’azione.

L’apprendimento di ogni alunno è guidato dal materiale; il materiale stesso denuncia al bambino gli errori commessi. Questo requisito rende possibile la verifica immediata della risposta e gli consente di apprendere controllando la propria attività e di correggere immediatamente le risposte errate.

Le verifiche di noi insegnanti sull’attività dell’alunno vertono principalmente sull’osservazione, con rari e delicati interventi diretti; da essa scaturisce il quadro di valutazione.

Nell’attività di verifica e valutazione dell'alunno, consideriamo i seguenti aspetti:

·      capacità di scegliere autonomamente una attività;
·      tempo di concentrazione;
·      ripetizione dell’esercizio;
·      capacità di svolgere organicamente l’attività;
·      capacità di portare a termine in modo autonomo il lavoro intrapreso;
·      livello di autostima;
·      rapporto con gli altri;
·      rispetto delle regole;
·      disponibilità e partecipazione.

Tali osservazioni che non prescindono mai dal rispetto della personalità e dei tempi di sviluppo del bambino, aiutano noi insegnanti a non assumere il facile ruolo di giudice che emette sentenze, ma ci offre la possibilità di poter valutare con obiettività se il nostro intervento è stato efficace.
Può essere utile l’adozione di griglie di osservazione, le quali, partendo dall’anamnesi personale e socio-familiare del bambino, diventino una guida di rilevazione, descrizione e interpretazione del processo evolutivo, psicologico e culturale, di ciascun bambino. Ciò darà luogo in pratica a quel diario psicologico o a quella carta biografica che la Montessori propose a suo tempo, purtroppo inutilmente, considerato che ancora oggi la verifica e la valutazione sono centrate in modo assoluto sul risultato-prodotto e non sul soggetto-produttore, valorizzando in modo esclusivo la dimensione ricettiva ed apprenditiva della personalità infantile.